lunedì 1 aprile 2019

Stramilano e Maratona di Rimini... Tutto in una settimana

SuperMario c'è?
No, sparito, scomparso, non c'è né alcuna traccia. Forse di lui rimane un appannato ricordo, ma Mario c'è.
Si, Mario ha ancora voglia di mettersi in discussione, di divertirsi, di condividere un weekend di running con i tanti amici runners partiti da Pescara.

Questa volta poi, dopo alcuni mesi di soli allenamenti, ho partecipato a due gare in una sola settimana, la Stramilano e la Maratona di Rimini.

Domenica 24 marzo, dopo aver apprezzato le bellezze di una Milano davvero all'altezza delle più moderne capitali europee, accompagnato da tutta la family, mi sono presentato al nastro di partenza di una delle più partecipate e tradizionali gare del podismo italiano. La Stramilano.


Inaspettatamente a Milano c'è un caldo estivo, manca la brezza fresca del litorale di Pescara. Di conseguenza ci sono 25 gradi alla partenza. Siamo in 8000 che parteciperanno alla 21 km, mentre sono in 50000 quelli che correranno la 10 e la 5 km!
Dopo aver consegnato la sacca, mentre mi aggiravo tra i runners, mi sento chiamare da Daniela Scutti.
Wow! Daniela è una fortissima runner che conobbi ben 7 anni fa, quando le maratone erano un pò meno turistiche e molto più impegnative, atletiche e soddisfacenti! 
Cavolo, mi ha visto tra 8000 persone ed è stato bellissimo ritrovarsi! Grazie Dani...


Arriva l'ora della partenza e parto tranquillo e sereno, senza patemi e senza affidarmi ad alcun pacer. Evidentemente stavo bene ed è stato davvero piacevole terminare la gara e scoprire di averla chiusa in 1h e 36, alla media di 4:32/km. Stragulp, davvero inaspettato! Condivido il merito di questo con i miei compagni di allenamento.



Passa una settimana ed eccomi a Rimini, arrivato con Marco e con tantissimi amici runners di Pescara. Tante squadre diverse, un'unica passione: correre!
Il pomeriggio passa sereno e spensierato, camminando a piedi per Rimini, su e giù, di quà e di là, a destra e sinistra, insomma, ci siamo fatti un'altra maratona!
La giornata si conclude con una mangiata tutti insieme in un bel locale sul lungomare.







Una bellissima giornata di sole ci accoglie alla partenza e mi accingo a correre sereno per tutti i 42195 metri della gara. Purtroppo mi accorgerò presto che non sarà così facile.
Intanto i momenti prima della partenza sono stati divertentissimi, con il mitico Faustino a fare le riprese...



La gara.
Ok, si parte. Decido di condividere la partenza e un pò di km con Monia. 
La seguo per almeno 25 km, poi la vedo accelerare e,👋👋👋 Monia! Sebbene mi sentissi bene, Monia mi ha steso... Rimango con me stesso a fare i conti con ancora 17 km da fare e la benzina che piano, piano, mi lascia a secco.





Mi fermo ad ogni ristoro cercando di bere il più possibile, ma non miglioro la mia corsa. Comincio a camminare sempre più. Riprendo un pò di condizione e convinzione solo dal 35° km e corro fino all'arrivo, dove taglio in 3h53'... Beh, che dire. La accetto, consapevole che valgo tanto e che il mio fisico mi stà dando segnali precisi... Mario, datti all'ippica! Forse all'ippica no, ma a gare più alla mia portata sì. 







Vabbè lo so, penserete, ma chi te lo fa fare, eppure questo è il mio mondo, qui sono felice. Chi non corre non può sapere... anche se il lunedì si cammina al rallentatore.

Nessun commento: