sabato 23 novembre 2013

Maratona di Torino 2013


Questa Maratona mi incuriosiva molto... La scelta di quale 42 km correre nell'autunno non dava spazio a molta scelta... Tra l'innovativa Torino e l'affascinante Firenze, non ho avuto il minimo dubbio: Ho puntato la prua a nord, si Va a Torino! Questa maratona arriva dopo un anno davvero intenso. Oltre 40 gare corse.
Dopo la maratona di Treviso e due ultra da 50 km volevo chiudere l'anno con un'altra bella gara da ricordare. E' così che è nata questa trasferta. Pensata con tantissimo anticipo, partecipata da molti runners di varie squadre. Peccato che molti miei compagni di squadra abbiano fatto la scelta di correre a Firenze. Solo Antonietta e Marco hanno condiviso la mia scelta e sono contento che per Antonietta qucsta sia stata una scelta vincente (P.B. con 3:26.)

Dopo un viaggio lungo ed estenuante siamo finalmente arrivati a Torino. Il tempo di lasciare i bagagli in Hotel e siamo andati a ritirare i pettorali. Torino è davvero bella. Si respira la cultura e la storia di questa città che è stata Capitale d'Italia. Guardo ammirato gli splendidi palazzi e le tante statue che adornano le belle piazze del centro, affollatissimo nell'ora di punta.
Insieme ad altri amici dei Pescara Runners che ci avevano preceduti in macchina abbiamo passato una serata spensierata coi piedi sotto il tavolo in un ristorante pizzeria nel centro città. Al termine, salutino di rito e ognuno è andato a dormire.
La domenica mattina alle 6.45 è suonata la sveglia e l'attività nella stanza è diventata frenetica.
Prima il rito della colazione e poi quello della vestizione. In breve il tempo è volato e alle 8 abbiamo raggiunto la zona della partenza e siamo entrati in clima maratona. 
Sebbene le previsioni climatiche avessero previsto sfracelli, di fatto, si stava bene, tant'è che ho scelto di correre in canotta e ciclista.
Lasciati i miei compagni di viaggio e rimasto solo, ho deciso di rimanere isolato e concentrato, cercando di non pensare più a nulla e solo a correre.
A differenza della Maratona di Treviso non sono riuscito a posizionarmi bene per la partenza. L'organizzazione non aveva previsto griglie e, naturalmente, davanti si era posizionata gente, spesso lenta, che col cavolo si sarebbe levata da li o ti avrebbe fatto passare. Non mi è restato altro che rimanere dov'ero in attesa che la gara partisse.
Distrattamente ho notato di avere al fianco sia del pace delle 3 h che quello delle 3.15, ma non me ne sono preoccupato più di tanto. Anche in questa gara avrei corso da solo, senza seguire nessuno!
Allo start, mentre molti scattavano in avanti, io mi avviavo con un passo rilassato. Avevo visto su youtube il percorso e sapevo che sarebbe stato complicato affrontare le enormi e lunghissime strade, le umide e nebbiose periferie della cintura e mantenere il giusto approccio alla gara. 
Dopo un pò corro solo e passo al 10° km con un'ottimo passo gara di 4:27/km. 
Da Torino a Moncalieri non mi accorgo della differenza. I palazzi si susseguono e i quartieri sembrano tutti uguali. Incrocio lo sguardo con un ragazzo in pigiama e molto assonnato che appoggiato al balcone ci guarda come se fossimo dei pazzi scatenati. E forse ha ragione! Sempre a Moncalieri  vengo attirato da della musica. E in effetti, poco più avanti, sulla mia sinistra vengo affascinato dal canto allegro e spensierato di un coro folkloristico Abruzzese! Perdo la testa e comincio a mandare baci a profusione, indicando loro la mia canotta e urlando la mia abruzzesità.
Percorso qualche km, una signora dal balcone ci urla: "Andate a lavorare! Qui non abbiamo più i soldi per campare e questi pensano a correre!" Che dire alla signora? Meglio glissare e far finta di niente. 
Dalle incitazioni che arrivano dal bordo stradale mi accorgo che, sebbene ci trovassimo ne profondo nord, le cadenze delle persone sono da "profondo sud"! Siciliani e calabresi, ma anche tanti napoletani. Lasciando Moncalieri un signore con una enorme bandiera della squadra del cuore, ci saluta urlando "Forza Napoli!"
Arrivati nel comune di Nichelino, improvvisamente arrivo al cospetto della Palazzina di Caccia di Stupinigi che mi appare imponente e maestosa, bellamente sormontata da un enorme cervo. Qua si venivano a divertire quelli che sono state le "loro Maestà"... Fosse per me, tutti a zappare, cmq lasciamo perdere.
Arriva anche il passaggio alla mezza maratona in 1:33:13, con un passo gara di 4:25/km
Dopo qualche km rientriamo nel comune di Torino da Corso Unione Sovietica e da qui in avanti percorreremo tantissimi e lunghissimi vialoni senza fine!
Anche il passaggio al 30° km è stato perfetto. 2:12:57 con la media rimasta più o meno uguale, 4.25/km.
Purtroppo, la speranza di finire la gara allo stesso passo è naufragata al 38° km dove venivo sopraffatto dai crampi che mi hanno costretto a ripetuti stop (ho calcolato 2 minuti) e il mio passo gara ne ha risentito. Appena i crampi me lo hanno permesso sono ripartito  chiudendo la gara in 3:09:33, alla media finale di 4.29 km.

Sono molto soddisfatto di questo tempo (il mio 3° P.B. di tutti i tempi) che testimonia della buona forma in cui mi sento attualmente. Non sono andato molto lontano dalle mie previsioni (mi aspettavo al massimo un 3:06/3:08).
Devo dire che è stata una maratona positiva per tutti noi della spedizione pescarese. Abbiamo tutti fatto ottimi temi che qui riassumo, in ordine di arrivo (tempo ufficiale):
1) Franco Salvatore: 3:02:59;
2) Mario Ricci: 3:09:47;
3) Graziano Wade: 3:11:48;
4) Gabriele Salvatorelli: 3:17:25;
5) Emmanuel Capuni: 3:20:04;
6) Mario Di Lorenzo 3:22:45;
7) Luigi Pretara: 3:24:24;
8) Andrea Di Nezza: 3:27:00;
9) Antonietta Faieta: 3.27:06;
10) Edoardo Aguilar: 3:30:01;
11) Diego Pretara: 3:30:54;
12) Paolo Sardini: 3:31:19;
13) Carlo Salvatore: 3:32:36;
14) Riccardo Pisano: 3:32:43;
15) Fabio Ruggieri: 3:36:19;
16) Francesco Del Balzo: 3:36:50;
17) Giuseppe Caposano 3:38:17;
18) Giancarlo Passeri: 3:39:46;
19) Samuele Fabrizio: 3:40:22;
20) Valerio Di Deo: 3.43:46;
21) Elga Tieri: 3:49:13;
22) Giuseppe Rossi: 3:53:44;
23) Camillo D'Orazio: 3:56:45;
24) Barbara Di Febo: 3:59:00;
25) Stefano Riccitelli: 3:59:03;
26) Tonino Forchetti: 4:01:50;
27) Luca Di Felice: 4:11:40;
28) Mario Di Felice 4:14:54;
29) Alessandra Anelli: 4:27:19.

Good Run a tutti!

1 commento:

rick ha detto...

COMPLIMENTI!! esperienze che rimangono per sempre!