giovedì 24 settembre 2015

Spartathlon 2015, Forza, coraggio e un pizzico di follia!


Da ormai ex ultramaratoneta non posso far altro che rimanere ammirato dal coraggio impavido dei partecipanti a questa gara. Per me la preparazione alla 100 km del Passatore ha occupato buoni sei mesi, monopolizzando tutte le mie uscite podistiche. Eppure, non sarei stato selezionato per questa gara. 
Bisogna infatti rispettare almeno uno dei seguenti punti:
  • Avere concluso una 100 km. in meno di 10h30';
  • Avere partecipato a una corsa a piedi superiore ai 200 km. ed averla terminata, indipendentemente dal tempo finale;
  • Avere concluso la corsa Nemea-Olimpia;
  • Avere partecipato alla Spartathlon e avere almeno raggiunto il punto di controllo Nestani (172° km) con un tempo inferiore alle 24h30';
  • Avere concluso la Spartathlon in una delle edizioni precedenti.
Di tutte le variabili possibili ho corso solo una 100, ma in 10h40'. No buono, sono troppo lento e non posso partecipare! 
Il mio post di oggi è dedicato invece a tre persone a me molto care e che hanno influito fortemente nella mia crescita podistica e soprattutto nello scoprirmi ultramaratoneta e apprezzare la bellezza di quel mondo!

Eduardo Aguilar, da sempre è un ultramarathonman. 
Il suo sogno lo ha realizzato l'anno scorso partecipando alla passata edizione della Spartathlon, concludendola alla grande.
Eduardo non è schiavo del cronometro, antepone la bellezza del correre, del partecipare, all'agonismo dei tempi, delle classifiche. 
Fabrizio Samuele. Decisamente un tritasassi. 
Compatibilmente con con un buon stato fisico, Fabrizio è inarrivabile. Corre tantissimo e sempre con tanta motivazione.
Devo ringraziare lui se sono riuscito a superare i tanti dubbi, i tentennamenti, le paure nel fare quel passo in più dopo il quarantaduesimo chilometro.
Ricordo che ero uno sbarbatello di podista, era forse il 2006, e nel tornare da Fossacesia dove avevo partecipato ad una mezzamaratona, per strada incontro lui, il quale dopo aver gareggiato anch'esso alla gara, se ne stava tornando di corsa probabilmente ad Ortona dove abita! Da allora ad oggi, Nico è stato un crescendo continuo! Il suo biglietto da visita è la determinazione, la forza, insieme alla sua grande umiltà e ad un carattere fantastico! Per lui partecipare ad una Novecolli Running (202 km) dove è arrivato 5° assoluto, o ad una 24 ore di Kladno in Repubblica Ceca, dove ha vinto alla grande correndo per 230 km, non vuol dire partecipare, vuol dire competere ai livelli più grandi. Un mito.
Sono orgoglioso di voi ragazzi, vi voglio bene e auguro a tutti voi il meglio per questa gara a cui tenete moltissimo. 
Naturalmente vi seguirò tutti online sul sito 
http://www.spartathlon.gr/en.html
Mario
 

lunedì 21 settembre 2015

Mezza Maratona dei Tre Comuni 2015 a Pratola Peligna

Dopo parecchie edizioni perse, finalmente ho partecipato alla Mezza Maratona dei Tre Comuni a Pratola Peligna. Gran bella gara, devo ammettere. Ben organizzata, bella la location, bello il percorso, un pò meno correrlo per la sua durezza, bello il ristoro, insomma una bella mezza maratona.
Questa mattina, finalmente, mi sarei un pò messo alla prova sulla distanza, e un pò anche sulla velocità. Come al solito, però, avevo fatto i conti senza l'oste. Non avevo previsto un percorso vallonato e con belle salitelle e un caldo che, davvero, non sopporto più. 
Ma, tant'è... E' caldo per me, è caldo per tutti!
Siamo quindi partiti sotto un sole caldissimo e ho tentato di seguire due miei compagni di squadra che si sono subito messi ad un ritmo gara di 4.20/km
Nel giro di qualche chilometro mi sono reso conto, però, che non era aria per me e mi sono messo a correre alla più rassicurante media di 4.25/km. A quel punto mi sono goduto la bellissima campagna e lo scenario attorno a me. Davvero molto bello. Ogni tanto, la fresca ombra degli alberi dà un pò di refrigerio dai lunghi tratti soleggiati in cui corriamo. Per fortuna, i ristori non mancano e quell'acqua fresca ci rigenera.
Verso il 15° km comincio a carburare e  a sentirmi meglio e, sebbene ci siamo più salite, la mia corsa si fa più fluida e riesco a recuperare molte posizioni. 
Tornati a Pratola, una lunga discesa mi porta all'arrivo, dove chiudo in 1h32 e spiccioli.
Certo, non è un tempo da fulmine di guerra, ma per me è il segnale che aspettavo. Finalmente una corsa lunga corsa ad un tempo non più lento. Dajje!
Meno 35 alla Maratona di Venezia!
 
 

lunedì 14 settembre 2015

Maratona di Venezia. 40 giorni dallo start!

Questa ultima settimana è passata velocissimamente e mi ha portato oggi a 40 giorni dalla partenza di Venezia. 
Piano piano, si diradano le nebbie, i fumi e sempre meglio si delinea l'obbiettivo. Venezia è li che mi aspetta sorniona! A sentire gli amici runners sarà una bellissima gara. 
"La partenza avviene a Stra (piccola località a circa 25 km ad ovest di Venezia), all'inizio della Riviera del Brenta, la splendida area a ridosso del canale nella quale i ricchi e nobili veneziani costruirono le proprie case di vacanza nel XVIII secolo.
L'arrivo si trova nel centro storico di Venezia, sulla banchina chiamata Riva Sette Martiri, in posizione panoramica di fronte alla Laguna.
La prima parte del percorso, lungo la Riviera del Brenta, si sviluppa in un ambiente ricco di suggestioni storiche, culturali e paisaggistiche, caratterizzato dalle numerose ville venete affacciate sulle acque del fiume.
La maratona attraversa quindi il centro di Marghera e Mestre, poi corre per oltre 2 km all'interno del Parco San Giuliano e raggiunge Venezia tramite il Ponte della Libertà (un rettilineo pianeggiante lungo quasi 4 km).
La gara entra quindi nella rinnovata area portuale e raggiunge il centro storico dove si vive la parte più speciale ed indimenticabile della corsa. Gli atleti corrono a fianco del Canale della Giudecca fino a Punta della Dogana, dove attraversano il Canal Grande su un ponte galleggiante, costruito appositamente per la maratona.
Transitando per Piazza San Marco (acqua alta permettendo...), vicino al Campanile e al Palazzo Ducale, il percorso della maratona raggiunge la linea di arrivo situata in Riva Sette Martiri."
(tratto dal sito della gara).  Questo breve resoconto, bello e affascinante, sarà comunque da affrontare con rispetto perchè comunque impegnativo! 
40 giorni voleranno. Sono sicuro che mi divertirò. Questa volta ci sposteremo in tanti da Pescara e sarà l'occasione per un'altra bellissima avventura. Sono anche tranquillo e rilassato, non avendo particolari ambizioni cronometriche. Ci saranno, tuttavia, delle belle sorprese attorno a me!
Intanto ripartirò a fare qualche bella garetta. Domenica prossima a Pratola e tra 15 giorni la mitica Ascoli-San Benedetto di 33 km.
Un pensiero e un abbraccio virtuale al fantasmagorico, impareggiabile, pazzo al quadrato, Marcello Mastrodicasa che sta correndo il Tor des Geants. Chissà su quale ripidissimo pendio sta correndo il buon Marcello. Pare che faccia freddo lassù. Pioggia, neve, vento. Miticoooo. 
Buone Corse Amici Runners
 

domenica 6 settembre 2015

Una domenica arancione!

Domenica tranquilla a Pescara beach. Dopo una settimana con allenamenti molto pesanti, oggi è prevista corsa lenta. Arrivato all'altezza di Panta Rei incontro tanti compagni di squadra che si accingono a cominciare un be lungo. Quale migliore occasione per condividere fatica, sudore e tante risate? È' stato così che i miei venti chilometri sono volati. Anche la temperatura è stata dalla nostra parte. Finalmente si respira un po'
Maratona di Venezia -50