mercoledì 24 dicembre 2014

Buon Natale!

LE MIE SCARPE (di Antonella Magli)
Se le mie scarpe potessero parlare
racconterebbero di imprese fuori dal normale.
Ti parlerebbero di grandi sudate,
di sali-scendi e di scarpinate.
Racconterebbero la meraviglia
del sole di maggio e della fanghiglia,
di boschi fitti quasi nel buio,
del cielo triste quando è scuro,
delle pianure di un verde abbagliante,
del solleone e della pioggia scrosciante.
Ti parlerebbero delle emozioni
quali le gioie e le delusioni,
il batticuore e la fatica,
il fiato corto nella salita,
di cieli azzurri e grandi vallate,
di strade strette e cime innevate.
Amiche sincere mi aspettano sempre
e in cambio non chiedono niente,
solo di correre e sempre di più.
Complici mute della mia passione
mi aspettano lì dentro il borsone
per una nuova corsa,
una nuova emozione!


Che dire? Pelle d'oca e brividi mi pervadono nel leggere questa composizione di Antonella Magli (qui il sito dal quale l'ho tratta) Non c'è nulla da aggiungere alle sue belle parole.  Sono contento di poter condividere la mia passione con tanti cari amici che, nel corso dei miei 8 anni di corse il destino mi ha fatto incontrare.
Prendo spunto da un'altra composizione di Antonella per augurare a tutti voi Buon Natale!

31 dicembre 2012 di Antonella  ( la moglie)
.. a chi corre!!!
Buone feste a tutti i podisti, oggi niente pensieri tristi. Siamo qui per ricordare che fra un pò è Natale, quindi auguri a tutti quanti, a chi corre per passione, a chi corre per missione, a chi corre perchè correre è bello e lo fa con suo fratello, a chi corre con cuor contento con il sole e con il vento, a chi corre un pò arrabbiato perchè il tempo non ha migliorato. A chi non corre ma cammina, con la pioggia, nebbia e brina, a chi corre sotto la neve, non fa male è così lieve! a chi corre nella natura perchè l'aria è più pura, a chi corre nel deserto, lì il cielo è sempre terso, a chi corre cento chilometri perchè ha i piedi buoni, a chi per correre va in America e ha corso mattina e sera. A chi corre tutto l'anno Pasqua, Natale a capodanno a chi fermo non sa stare e corre anche a Carnevale.

Guardate bene dentro il Presepe la notte di Natale
probabilmente Gesù bambino avrà anche lui il suo pettorale.

Io non corro, simpatizzo, e questa volta, così per sfizio ho scritto questa poesia con tanto affetto e molta simpatia.

Auguri a tutti quanti per nuove corse e nuove traguardi!  

"Mi piacerebbe volare, ma correre viene subito dopo."


2 commenti:

nino ha detto...

Buon Natale

Mario Ricci ha detto...

@ nino: grazie, tanti auguri anche a te!