lunedì 12 ottobre 2015

1° Mezza Maratona del Km Lanciato

Dopo tanto, finalmente ho partecipato ad una gara. Ieri si teneva la prima edizione della Mezza Maratona del Km Lanciato. Il Km Lanciato è lo pseudonimo con cui viene chiamata la Via Vestina, un lungo rettilineo che dal mare porta verso l'interno. Gli organizzatori l'hanno definita "la gara per atleti di carattere". Questo per sottolineare, per chi non lo sapesse, che si trattava di una gara dura, dicamo tosta e che era abbastanza diversa dal solito. 
Ieri, la giornata ci ha accolto con una temperatura fresca, spazzata da un vento fastidioso. Per fortuna che noi ci siamo allontanati dalla costa dove il mare già rumoreggiava con i suoi riverberi spumeggianti.
Purtroppo (e per fortuna) le occasioni per correre si moltiplicano sempre più e i calendari podistici a volte si scontrano, proponendo, come è successo ieri, due belle gare, ottenendo in tal modo, la divisione dei partecipanti un pò quà e un pò là.
Noi abbiamo optato per Montesilvano. Io in particolare, anche se non ho dato peso più di tanto alla gara, l'ho fatto per le salite, che amo a prescindere, che mi intrippano, mi prendono, mi divertono, mi esaltano, mi sfiancano! L'ho fatta anche per mettere in saccoccia un bell'allenamento che speriamo mi torni utile in vista della Maratona di Venezia del prossimo 25 ottobre. 
E così eccomi qui, sulla linea dello start. Pronti partenza, Via!
 foto di Fausto di Tonto
Dopo aver percorso la Via Vestina (Il Km Lanciato), la gara ha girato a sinistra, imboccando la strada che porta a Cappelle sul Tavo. E già li il fiato ha cominciato a farsi affannato. Dopo Cappelle si è saliti verso Spoltore, fino al Bivio per Contrada Barco. 
 foto di Fausto di Tonto

Girando a sinistra, la strada ci ha portati dritti dritti a Montesilvano Colle. In molti di noi conosciamo benissimo quelle zone, ma in gara è tutta un'altra storia.
Eppure, in men che non si dica, abbiamo conquistato la piazza di Montesilvano Colle e, dopo aver circumnavigato il centro storico, siamo scesi, attraverso la discesa ripidissima dell'Auditorio, sulla Via Vestina, e da lì all'arrivo.
Per quanto mi riguarda devo dire di averla corsa sempre bene e con poco affanno, anzi! Una volta riguadagnata la pianura, ho concluso gli ultimi 4 km ad un bel passo, risalendo anche posizioni, terminando 24mo assoluto, 4° di categoria in 1h31'27''.
Va bene, così. 
Maratona di Venezia. -13!

Nessun commento: