domenica 8 novembre 2009

Il dubbio. Il lungo in due sedute?


Questo weekend, sempre in preparazione di Firenze era previsto un lungo di 34 e il mio coach mi ha fatto una proposta insolita e inaspettata. Mi ha chiesto di provare a dividere in due il lungo in due sedute. Una il sabato pomeriggio di 20 km (corsa a 4.49 di media) e una stamattina di 22 km (corsa a 4.50 di media). La proposta per non sovraccaricarci di lavoro poichè questo lungo andava corso la settimana scorsa e lui riteneva oggi fosse troppo sotto maratona. Spero leggiate il mio post e mi lasciate le vostre impressioni sull'argomento... Abbiamo fatto bene, male, non abbiamo fatto il lungo ma due medi? Ma soprattutto, mi aiuterà? mah...

7 commenti:

the yogi ha detto...

ne ho sentito parlare ma mai benissimo in verità, pare non sostituiscano appieno un LL.....

KayakRunner ha detto...

Per me non equivale ad un unico lungo, ma effettivamente se facevi un lungo adesso, sovracaricavi troppo le gambe x Firenze. In questo momeno penso sia stata la soluzione migliore.

Mario ha detto...

@yogi @Kayak
in effetti non ne ero molto convinto neanche io, ma dato che sono un tapascione... speriamo bene

Master Runners ha detto...

No, anch'io dico che non è la stessa cosa, però sono sempre due buoni allenamenti.

Ora però riprogrammati un lungo è! ;)

Alberto Bressan "Pasteo" ha detto...

Allora io ho sempre fatto l'ultimo lungo prima di una maratona 2 settimane prima e devo dire che non mi sono mai trovato in situazioni di sovraccarico...Certo che dividere un lungo in 2 parti...non so quanto sia allenante per una maratona...
Ciao Mario

Fatdaddy ha detto...

Convertii un lungo (non l'ultimo in programma) in un bi-giornaliero per esigenze di scarsezza di tempo, conscio che comunque il beneficio non sarebbe stato equivalente al lungo tutto intero...
Ma di necessità virtù, male non fa!

Mario ha detto...

grazie ragazzi, speriamo bene